Pneumatici e azoto: pro e contro

La tecnologia di gonfiare le gomme con azoto puro arriva dalla formula uno e dall’aviazione dove la pratica è diffusa da decenni, mentre solo da una quindicina di anni è proposta per i veicoli comuni.

Siccome le opinioni riguardo l’utilizzo dell’azoto per gonfiare gli pneumatici sono molto diverse e contrastanti cerchiamo di far conoscere meglio l’argomento e valutare i vari pro e contro.

L’azoto è un gas inerte e stabile, presente nell’atmosfera in quantità pari al 78%, è incolore, inodore e insapore, privo di umidità, ossigeno e impurità.

Le proprietà dell’azoto quindi lo fanno ritenere particolarmente utile nel gonfiaggio degli pneumatici di auto di grossa cilindrata e veloci su strada, ottimizzandone le prestazioni. Infatti la macchina, più leggera grazie all’azoto, si guida molto meglio.

Diversamente non è particolarmente consigliato per auto di piccola cilindrata, molto leggere di peso e utilizzate solo in città.

L’utilizzo del gonfiaggio con azoto viene consigliato per il periodo estivo e non per quello invernale in quanto se in estate il raffreddamento dello pneumatico è basilare, durante l’inverno sarebbe inutile se non dannoso.

Diamo ora una occhiata anche ai vantaggi e agli svantaggi che possono derivare dall’uso dell’azoto in termini di sicurezza e risparmio.

Per quello che riguarda la sicurezza si può affermare che vi sia certamente una riduzione del rischio di esplosione, una costanza nella pressione (l’azoto manterrebbe la pressione delle gomme più a lungo), una migliore aderenza al suolo e un maggiore confort di guida.

L’azoto riduce la resistenza di rotolamento e quindi il risparmio si ha perché in tal modo diminuisce il consumo di carburante e dello stesso pneumatico.

Gli svantaggi sono da attribuirsi al costo che è superiore ad un gonfiaggio ad aria compressa e talvolta alla difficoltà di reperirlo in tutti i luoghi.

In definitiva si può affermare che l’utilizzo del gonfiaggio con l’azoto al posto dell’aria compressa non fa miracoli, ma può essere comunque una valida alternativa.

Quello che è importante è come sempre la sicurezza, perciò ricordiamo che a prescindere dal gas usato la pressione degli pneumatici andrebbe controllata regolarmente (in media una volta al mese).

Taggato con: , , ,